Granello di senapa
SE VUOI DARE UNA MANO MA NON SAI COME FARE... VIENI A "TROVARE" IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

Un commercio alternativo

Moltissimi dei prodotti che acquistiamo tutti i giorni come il caffè, il tè, il cacao, ma anche l’abbigliamento provengono dei paesi del Sud del mondo (America Latina, Africa e Asia) e poche volte siamo informati e quindi consapevoli delle condizioni in cui vivono i produttori. Essi lavorano duramente, ma non riescono ad ottemperare ai loro fabbisogni fondamentali e a garantirsi, di conseguenza, una vita dignitosa. La maggior parte dei guadagni si ferma nel Nord del mondo e solo una piccola parte di questi rimane ai protagonisti del Sud.
Durante questi due ultimi decenni, gli scambi commerciali internazionali sono aumentati notevolmente portando innumerevoli vantaggi ai paesi del Nord del mondo e difficoltà crescenti per quelli del Sud, sottolineando le disparità tra gli uomini. Molti coltivatori di cacao, caffé, banane sono privati dei diritti fondamentali come la possibilità di mantenere le loro famiglie, mandare i figli a scuola, curarsi, investire nella loro formazione professionale per un avvenire migliore. Dietro a molti prodotti che si consumano abitualmente ci sono dunque storie di sfuttamento, di iniqua distribuzione delle risorse: i vantaggi del commercio tradizionale non sono dunque conusciuti da tutti.

Divisione del mondo

Trenta anni fa circa, in Olanda, da parte di alcuni organismi che già erano presenti nei paesi del Sud del mondo con progetti di sviluppo al servizio dei più poveri, nacque “un’idea alternativa” per combattere le disparità fra il Nord e il Sud del mondo: il Commercio Equo e Solidale. Come primo passo aiutarono gruppi di contadini e di artigiani ad organizzarsi in cooperative capaci di raccogliere i loro prodotti e di avviarli all’esportazione. Contemporaneamente in Olanda fu fondata una cooperativa di importazione (l’SOS) per fare entrare nel paese prodotti del commercio alternativo.
Il Commercio Equo è un approccio alternativo al commercio convenzionale. Esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l’ambiente, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l’educazione, l’informazione e l’azione politica. Il Commercio Equo e Solidale è una relazione paritaria tra tutti i soggetti coinvolti nella catena di commercializzazione: produttori, lavoratori, Botteghe del mondo, importatori e consumatori.